Cresce la Lega contro i tumori

1:47 pm principale

La sezione provinciale della Lega Italiana per la lotta contro i tumori allarga, per questo 2012, i suoi orizzonti operativi, supportata dai confortanti risultati del 2011e dal sempre più coinvolgimento di volontari. Del recente passato e dell’immediato futuro ne parliamo con il presidente, la dott.ssa Teresa fattori, e con il direttore sanitario, dott. Giuseppe Smecca, due soggetti che quotidianamente, si spendono, in silenzio, per la prevenzione del terribile male, con iniziative che toccano l’intero territorio ibleo. “L’anno da poco archiviato - dice Teresa fattori – ha fatto registrare l’adesione alla LILT di oltre mille persone che, con il loro contributo ci hanno permesso di allargare la nostra attività, occupandoci oltre che dell’aspetto squisitamente sanitario, anche dell’aspetto psicologico e assistenziale”. “Nel corso del 2011 – aggiunge il dott. Giuseppe Smecca – sono state visitate, gratuitamente, presso le nostre strutture, 1500 persone e 224 di queste hanno effettuato ecografie mammarie e tiroidee; ed è aumentato il numero di medici che prestano gratuitamente la loro opera”. Il 2012 cosa prevede? “Intanto abbiamo riaperto - dice Teresa Fattori – l’ambulatorio di Acate, in Via V. Veneto; e così abbiamo ambulatori in 10 dei 12 Comuni; non siamo presenti soltanto a Comiso e Santa Croce, ma speriamo di colmare al più presto tale carenza. E dobbiamo sottolineare il determinante supporto della Banca Agricola Popolare nella gestione dei vari ambulatori. Abbiamo, da poco, inaugurato un servizio di prevenzione del tumore al cavo orofaringeo (curato dal dott. Corrado Toro) e stiamo incrementando l’attività di educazione alimentare, grazie alla disponibilità della dott.ssa Rita Fidelio; e poi, in occasione della tradizionale “settimana della prevenzione oncologica” organizzeremo un seminario sulla dieta mediterranea che vedrà presenti illustri studiosi; a maggio rinnoveremo l’appuntamento di “Bimbi in bici”, con la collaborazione della Federazione amatori ciclisti; quanto prima infine apriremo un ambulatorio per i pazienti siciliani (attualmente costretti a recarsi a Milano) affetti da un raro tumore della pelle, chiamato “sarcoma di kaposi”; se ne occuperà, volontariamente, il dott. Riccardo Gafà”. Pariliamo dello “sportello oncologico”:“Attualmente - dice il dott. Smecca, che ne è il coordinatore – ne esistono tre: uno presso la sede provinciale Lilt, in via Ottaviano a Ibla, uno preso la Cisl, in Piazza Ancione, sempre nel capoluogo, uno all’ingresso dell’ospedale “Maggiore” di Modica. Quanto prima speriamo di aprirne altri due: a Scicli e a Ispica. Gli “sportelli” sono gestiti da volontari e forniscono importanti informazioni di vario genere ai familiari di soggetti affetti da tumori”.

di Giovanni Pluchino da LA SICILIA del 18.01.2012

Comments are closed.